Con il Coronavirus cerimoniale ridotto e niente più bimbi in campo

Con il Coronavirus cerimoniale ridotto e niente più bimbi in campo
Condividi

(ANSA) – ROMA, 06 MAR – Termoscanner per la rilevazione agli ingressi dello stadio di tutti i soggetti autorizzati, un ingresso dedicato per gli operatori dell’informazione che non consenta alcuna commistione con i tesserati e in tribuna stampa, giornalisti e fotografi accreditati, dovranno essere posizionati mantenedo la distanza di almeno 2 metri; niente interviste all’arrivo dei calciatori, né conferenza stampa e “zona mista”.

Nessuna ripresa sul terreno di gioco e degli spogliatoi pre e post riscaldamento e cerimoniale di gara ridotto all’osso, senza bambini e solito prepartita tra i protagonisti. Sono queste alcune delle disposizioni della Lega di Serie A per la disputa delle partite a porte chiuse per l’emergenza Coronavirus.

La circolare diffusa oggi, accoglie le disposizioni contenute nel Dpcm del 4 marzo scorso e integra quanto già stabilito con la circolare del 27 febbraio scorso.